Imprese a “tasso zero”: tutto esaurito

Tutto esaurito per le imprese a “tasso zero”. In poco più di dieci giorni sono già esaurite le risorse destinate a finanziare la misura agevolativa “Imprese a tasso zero” che premia le donne di qualsiasi età e i giovani tra i 18 e i 35 anni che avviano una micro e piccola impresa in qualsiasi parte del territorio nazionale. Lo scorso 26 gennaio, Invitalia, Soggetto Gestore della misura, ha dato notizia tramite una nota della sospensione della valutazione delle domande. L’Agenzia ha tuttavia precisato che “con la disponibilità di ulteriori risorse finanziarie, Invitalia riavvierà la valutazione delle domande sospese secondo l’ordine cronologico di presentazione. Tale sospensione non comporta la chiusura dello sportello”.

Canone Rai vecchia maniera in alcuni casi

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 22 del 28 gennaio 2016 il decreto che riguarda il canone Rai. Il Ministero dello sviluppo economico ha fissato la definizione dei canoni di abbonamento speciale dovuti per la detenzione di apparecchi radioriceventi o televisivi per l’anno 2016. Per le televisioni nei locali, studi, alberghi il canone Rai segue le vecchie regole e i vecchi importi, con il pagamento svincolato dalla bolletta elettrica.

Studi di settore: già in rete i 204 del 2015

Dopo i test sono già in rete i 204 studi di settore utili all’annualità 2015. Con il provvedimento di approvazione del 29 gennaio sono definite, inoltre, le caratteristiche tecniche di stampa. Aggiornati con le informazioni relative ai correttivi crisi, individuate sulla base della metodologia presentata alla Commissione degli esperti lo scorso 2 dicembre e con le informazioni necessarie per gestire i “super-ammortamenti” introdotti dalla Stabilità 2016 (legge 208/2015).

Unico, Cnm e Irap 2016: in rete la versione definitiva

Con sei diversi provvedimenti direttoriali sono approvati Unico 2016 Persone fisiche (Pf), Società di capitali (Sc), Società di persone (Sp) ed Enti non commerciali (Enc), il modello Consolidato nazionale e mondiale (Cnm) e il modello Irap. Fra le novità di Unico Pf, il credito d’imposta per negoziazione e arbitrato destinato a chi ha corrisposto nel 2015 compensi ad avvocati o arbitri , nel corso di uno o più procedimenti conclusi con successo, il nuovo codice da indicare nel frontespizio per la dichiarazione integrativa a seguito della lettera di compliance (codice 2) e il bonus Irpef previsto per i lavoratori dipendenti e assimilati con un reddito fino a 26.000 euro, che quest’anno passa da 640 a 960 euro l’anno. Inoltre, il nuovo regime forfetario per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni, con imposta sostitutiva del 15% di Irpef, addizionali e Irap; per questi ultimi in caso di start up è prevista la riduzione del reddito imponibile di un terzo.